NOVITA' FISCALI
Regime Iva del servizio di ricerca in materia di investimenti
Venerdì, 31 Agosto , 2018
A decorrere dal 3 gennaio 2018 la Direttiva MIFID II ha introdotto rilevanti modifiche alle condizioni di ricevibilit del servizio di ricerca in materia di investimenti reso dai negoziatori agli intermediari che svolgono il servizio di gestione individuale di portafogli. Unassociazione chiede di conoscere se il servizio di ricerca in materia di investimenti reso ai gestori individuali di portafogli, il cui onere posto a carico dei clienti a prescindere dal volume e/o dal valore degli ordini eseguiti, possa continuare a beneficiare del regime di esenzione. Con le modifiche introdotte dalla Direttiva delegata 2017/593/Ue il servizio di ricerca in materia di investimenti, se finanziato da uno specifico onere di ricerca posto a carico del cliente, deve essere indipendente e separatamente identificabile rispetto agli altri servizi forniti dal negoziatore. Tale servizio deve essere distinto e autonomo anche sotto il profilo economico. Le modifiche introdotte dalla direttiva citata riguardano il servizio di ricerca fornito ai gestori individuali di portafogli ma non necessariamente quello reso ai gestori collettivi, i quali possono, invece, scegliere se continuare a ricevere la ricerca senza essere obbligati a definire un budget a carico degli OICR gestiti oppure se applicare le nuove regole di ricevibilit del servizio di ricerca. Ci posto, in ordine al trattamento fiscale del servizio di ricerca fornito agli intermediari che svolgono il servizio di gestione individuale di portafogli, lAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 61/E dell8 agosto 2018 dellavviso che lo stesso non sia riconducibile ad alcuna fattispecie di esenzione e, in particolare, non possa essere inquadrato tra le prestazioni di mediazione, intermediazione e mandato. Il regime di esenzione delle prestazioni di intermediazione presuppone che le stesse siano finalizzate alla conclusione di operazioni di carattere finanziario. Nel servizio di ricerca in materia di investimenti il negoziatore si limita a rendere fruibile al gestore informazioni, dati e ricerche in ordine ad una strategia di investimento riguardante uno o diversi strumenti finanziari. Alla luce di quanto espresso la circolare ritiene che il servizio di ricerca in materia di investimenti fornito dai negoziatori agli intermediari che svolgono il servizio di gestione individuale di portafogli, autonomamente remunerato secondo le nuove condizioni di ricevibilit del servizio (Direttiva 2017/593/UE), non possa continuare a fruire del regime di esenzione. Tale servizio deve essere assoggettato ad Iva ordinaria. Per quanto riguarda il trattamento fiscale del servizio di ricerca in materia di investimenti fornito dai negoziatori ai gestori collettivi, qualora detto servizio sia separatamente identificato, sotto il profilo economico, rispetto allattivit di negoziazione, si ritiene che lo stesso possa fruire del regime di esenzione, purch il servizio sia inquadrabile nellambito della gestione dei fondi comuni di investimento. La Corte di giustizia europea, con la sentenza 4 maggio 2006, causa C-169/04 ha chiarito che non preclusa la possibilit che possano fruire dellesenzione Iva anche le gestioni di fondi comuni di investimento frazionate in servizi distinti forniti da un soggetto esterno al fondo. Tuttavia, per essere esenti, i servizi delegati forniti dal terzo devono formare un insieme distinto, valutato globalmente che abbia leffetto di adempiere le funzioni specifiche ed essenziali del servizio per il quale prevista lesenzione, vale a dire, della gestione del fondo.
(Vedi risoluzione n. 61 del 2018)

20 maggio 2019
27 maggio 2019
30 maggio 2019
31 maggio 2019
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Credito dimposta per investimenti in attivit di ricerca e sviluppo
Con la risoluzione n. 40/E del 2 aprile 2019 lAgenzia delle Entrate risponde ad una societ in merito alla ...continua

Istituzione del codice tributo per lutilizzo in compensazione del credito dimposta per gli investimenti pubblicitari su stampa ed emittenti radio-tv locali
Con la risoluzione n. 41/E dell8 aprile 2019 lAgenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6900 ...continua

Definizione agevolata dei Pvc Chiarimenti
Il decreto legge n. 119/2018 ha introdotto la possibilit di definire in via agevolata il contenuto integrale ...continua

Commento alle novit fiscali Legge di Bilancio 2019 Primi chiarimenti e risposte a quesiti posti in occasione di eventi organizzati con stampa specializzata
LAgenzia delle Entrate, con la circolare n. 8/E del 10 aprile 2019, fornisce primi chiarimenti in merito ...continua

Istituzione dei codici tributo per il versamento dellimposta di bollo sulle fatture elettroniche
LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 42/E del 9 aprile 2019, ha istituito i codici tributo per il ...continua