NOVITA' FISCALI
ISA – PERIODO D'IMPOSTA 2018 – CHIARIMENTI AI QUESITI DI ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E ORDINI PROFESSIONALI
Giovedì, 31 Ottobre , 2019
L'Agenzia delle Entrate, nella circolare n. 20/E del 9 settembre 2019, raccoglie i chiarimenti forniti alle associazioni di categoria e agli ordini professionali in occasione di incontri e convegni sugli Indici sintetici di affidabilità fiscale svoltisi nei mesi di giugno e luglio. Il nuovo strumento che sostituisce gli studi di settore ha generato molti interrogativi da parte degli addetti ai lavori che, invano, ne hanno chiesto la disapplicazione per il periodo d'imposta 2018 o, in alternativa, l'applicazione su base volontaria. Il documento di prassi amministrativa fornisce nuove informazioni sulle modalità applicative della nuova metodologia che si sommano ai chiarimenti forniti con la circolare n. 17/E/2019. In quaranta pagine la circolare fornisce chiarimenti per macroaree: utilizzo degli Isa ai fini delle attività di analisi del rischio e selezione; cause di esclusione; segnalazioni relative agli indicatori e al funzionamento del software 'Il tuo Isa'; coefficiente individuale; compilazione dei modelli; dati delle precompilate; regime premiale; proroga versamenti; ulteriori componenti positivi. Si tratta, in sostanza, di una sorta di prontuario a cui ricorrere quando dovessero insorgere difficoltà nella determinazione del profilo di rischio, sulle imposte da corrispondere e sugli altri argomenti legati agli indici. Gli indicatori sintetici di affidabilità fiscale sono formulati con un sistema a pagella. In base ai risultati ottenuti imprenditori e professionisti ottengono un voto che va da 1 a 10. Chi ha riportato un punteggio compreso tra 6 e 7,99 non subirà controlli dal fisco che invece scattano con risultati sotto la sufficienza. In merito alle cause di esclusione la circolare ribadisce che sono esclusi dagli Isa per il periodo d'imposta 2018 i soggetti che possono usufruire del regime agevolato forfettario (legge 398/1991) e coloro che si avvalgono del nuovo regime forfettario (legge 190/2014) e di quello per l'imprenditoria giovanile. Il documento si concentra, in particolare, sulle società cooperative a mutualità prevalente, sull'affitto d'azienda, sulla cessazione dell'attività prevalente e sulla modifica dell'attività in corso d'anno per effetto dell'inizio della nuova attività. Qualora gli indicatori di anomalia evidenzino particolari criticità, i contribuenti possono modificare i dati precalcolati dopo averli verificati e procedere all'elaborazione di un nuovo Isa, ma non è possibile intervenire su tutte le variabili precalcolate. Non lo sono, ad esempio, i coefficienti individuali per la stima dei ricavi/compensi. Nei casi in cui non è possibile intervenire i contribuenti possono utilizzare il campo delle note aggiuntive per fornire giustificativi in merito ad eventuali disallineamenti. Nuovi componenti positivi: solo i contribuenti con le 'carte in regola' possono usufruire dei benefici premiali Isa 2019. Un punteggio alto garantisce l'esonero dall'apposizione del visto di conformità. Se il risultato degli Isa consente di dichiarare ulteriori componenti positivi per ottenere un punteggio pari a 10, è possibile indicare anche un importo di componenti positivi che permetta di raggiungere un valore inferiore rispetto a quello proposto dall'Isa per migliorare il proprio profilo di affidabilità e accedere al regime premiale. I contribuenti che hanno ricevuto un punteggio pari o superiore a 8 possono utilizzare in compensazione, senza dover apporre il visto di conformità, i crediti per un importo non superiore a 50mila euro annui in caso di Iva e per un importo non superiore a 20mila euro annui relativi a imposte dirette e Irap, già a partire dal giorno successivo a quello della chiusura del periodo d'imposta nel quale sono maturati, senza dover aspettare la presentazione del modello Isa.
(Vedi circolare n. 20 del 2019)

NOVITA'
COMUNICATO STAMPA
***************
NON È COMMERCIALISTA COLUI CHE NON È ISCRITTO ALL’ALBO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI
allegato
16 dicembre 2019
18 dicembre 2019
19 dicembre 2019
20 dicembre 2019
27 dicembre 2019
30 dicembre 2019
31 dicembre 2019
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Friuli Venezia Giulia – Istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposte per il miglioramento della competitività delle imprese
L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 97/E del 28 novembre 2019, ha istituito i codici tributo per ...continua

Istituzione del codice tributo per il versamento dell’addizionale comunale all’Irpef di spettanza dei comuni dichiarati in dissesto finanziario
Per consentire il versamento tramite modello F24 delle somme dovute a titolo di recupero dell’addizionale ...continua

Obbligo di identità soggettiva tra chi appone il visto di conformità e chi trasmette la dichiarazione
E’ dedicata al visto di conformità la risoluzione n. 99/E del 29 novembre 2019 dell’Agenzia delle Entrate. Il ...continua

Versamenti in acconto dovuti ai fini Irpef, Ires ed Irap – Chiarimenti
Con la risoluzione n. 93/E del 12 novembre 2019 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in ordine al ...continua

Utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta corrispondenti alle detrazioni per gli interventi di riduzione del rischio sismico e per gli interventi finalizzati al risparmio energetico – Ridenominazione dei codici tributo ‘6890’ e ‘6891’
Con la risoluzione n. 94/E del 20 novembre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che le quote annuali dei ...continua