NOVITA' FISCALI
Regime fiscale dei contributi spettanti ai Consiglieri ed Assessori regionali cessati dal mandato
Venerdì, 16 Ottobre , 2020

I contributi corrisposti con il metodo contributivo ai consiglieri e assessori regionali cessati dal mandato non formano reddito imponibile. Pertanto, i trattamenti economici erogati sono commisurati alle contribuzioni obbligatorie versate dai consiglieri e a quelle a carico della Regione.
La Regione istante chiedeva di conoscere il corretto trattamento fiscale della quota contributiva a proprio carico in quanto mentre la quota di contributo a carico del Consigliere stata oggetto di interpretazioni giurisprudenziali e di prassi, non avvenuto ugualmente sul trattamento fiscale della quota contributiva a carico della Regione. Tutto questo alla luce del fatto che il nuovo ordinamento giuridico prevede per tutti i vitalizi/indennit a carattere differito, il sistema di calcolo contributivo in forza del quale limporto spettante commisurato ai contributi versati dal soggetto percettore e dallente di appartenenza.

La Regione fa presente che intende istituire ex novo un trattamento economico differito a carattere contributivo per i consiglieri e assessori cessati dal mandato. Nellinterpello la Regione descrive in dettaglio le caratteristiche del trattamento economico che rappresenta una indennit di carica goduta in relazione allesercizio di mandato pubblico rivestito, con connotazioni distinte da quelle proprie della retribuzione connessa al rapporto di pubblico impiego e si configura come indennit correlata alla cessazione della carica. La base imponibile contributiva pari allindennit di carica lorda e la quota di contributo a carico del Consigliere pari all8,80% della base imponibile e la quota a carico della Regione pari a 2,75 volte quella versata dal consigliere.

Come premesso la Regione chiede quale sia il corretto trattamento fiscale della quota contributiva a proprio carico, pari a 2,75 volte la quota a carico del consigliere.
Sul trattamento fiscale dellassegno vitalizio corrisposto a parlamentari ma anche ai consiglieri regionali lAgenzia delle Entrate chiarisce che costituisce reddito assimilato a quelli di lavoro dipendente.

Gi nella risoluzione n. 262/E/2009 lAmministrazione finanziaria ha avuto modo di chiarire che gli assegni vitalizi collegati ad una carica elettiva non configurino, ai fini fiscali, trattamenti pensionistici, ma una vera e propria indennit correlata alla cessazione della carica. In forza del rinvio contenuto nellart. 52, comma 1, del Tuir, ai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente si applicano le disposizione di cui allart. 51 del Tuir relative ai redditi di lavoro dipendente, salvo le eccezioni previste per i redditi assimilati in esame secondo le quali i vitalizi sono assoggettati a tassazione per la quota parte che non deriva da fonti riferibili a trattenute effettuate al percettore gi assoggettate a ritenute fiscali. La conseguenza lindeducibilit dei relativi contributi, diversamente da quanto disposto per quelli versati alle forme pensionistiche obbligatorie. Il chiarimento dellAgenzia non pu ignorare la norma che ha disposto la riduzione del numero degli assessori regionali e le relative indennit e le disposizioni della legge di Bilancio 2019 che hanno invitato le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano a rideterminare, entro il 30 maggio 2019, la disciplina dei trattamenti previdenziali e dei vitalizi gi assegnati a coloro che avevano ricoperto la carica di presidente, consigliere o assessore regionale, adeguandone i criteri alla disciplina vigente. I trattamenti previdenziali devono essere ridefiniti sulla base dei parametri indicati in sede di Conferenza Stato-Regioni o, in assenza, sulla base del metodo contributivo.

In considerazione di tali misure la Regione istante ha adottato la legge n. 27/2019 che ha disciplinato il trattamento economico collegato ad unindennit di carica goduta in relazione allesercizio di un mandato pubblico e quantificato sulla base della contribuzione obbligatoria effettivamente versato dal consigliere. In sintesi, il trattamento economico da erogare a fine mandato deve avvenire secondo il metodo di calcolo contributivo della disciplina dei trattamenti previdenziali e vitalizi, maturato sulla base della contribuzione obbligatoria effettivamente versata dal consigliere e, pertanto, riconducibile allambito dellarticolo 49, comma 2, lettera a), quali redditi derivanti da pensioni di ogni genere e gli assegni ad essi equiparati. La riforma dellistituto ha comportato un mutamento di regime, con riflessi sul trattamento fiscale riservato ai vitalizi percepiti a fine mandato dai consiglieri. Sia i contributi versati dai Consiglieri che quelli a carico della Regione non concorrono alla formazione del reddito in quanto riconducibili allart. 51, comma 2, lettera a) del Tuir.


(Vedi risoluzione n. 64 del 2020)

NOVITA'
ELEZIONI RINNOVO CONSIGLIO DELL'ORDINE E COLLEGIO DEI REVISORI
La data delle elezioni è stata differita al 2 e 3 febbraio 2021
25 novembre 2020
30 novembre 2020
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Ridenominazione del codice tributo 6834 per utilizzare in compensazione il credito dimposta derivante dalla trasformazione di attivit per imposte anticipate - art. 44-bis decreto Rilancio
Larticolo 44-bis del decreto Rilancio, come da ultimo modificato dal decreto Agosto, dispone che qualora ...continua

Sequestro per equivalente e successiva confisca dei beni - Applicabilit - Effetti

Lamministratore giudiziario di unazienda oggetto di sequestro per equivalente dei beni chiede ...continua

Chiarimenti sulle modifiche alla disciplina del Patent Box

dedicata alle nuove modalit di fruizione dellagevolazione Patent box la circolare dellAgenzia delle ...continua

Chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina ai fini Iva delle operazioni di cui allart. 74 Dpr n. 633/1972 e allart.4 Dm n. 366/2000

Una societ ha sottoscritto un contratto con una societ di telecomunicazione per la fornitura di carte ...continua

Credito d'imposta concesso a favore di unassociazione sportiva dilettantistica, in relazione ai canoni corrisposti sulla base di un contratto di sublocazione - Art. 28 decreto Rilancio

Unassociazione sportiva dilettantistica fa presente di aver preso in sublocazione un ufficio di categoria ...continua