NOVITA' FISCALI
Chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina ai fini Iva delle operazioni di cui allart. 74 Dpr n. 633/1972 e allart.4 Dm n. 366/2000
Venerdì, 23 Ottobre , 2020

Una societ ha sottoscritto un contratto con una societ di telecomunicazione per la fornitura di carte SIM ricaricabili da dare in uso ai propri dipendenti e chiede la conferma della possibilit di detrarre lIva relativa a questo servizio di telefonia mobile assoggettato al regime speciale monofase.

Il regime monofase comporta che lIva sullintero valore aggiunto realizzato a partire dalla fase iniziale di produzione e distribuzione dei beni e dei servizi fino alla fase di vendita al consumatore finale dovuta dal primo operatore della catena economica, al momento in cui si realizza la prima cessione. Tutte le cessioni successive sono pertanto escluse dal campo applicativo dellIva, in quanto limposta stata gi assolta dal primo cedente.
Con il regime monofase viene derogato lordinario sistema di funzionamento dellIva.

Larticolo 4 del decreto del Mef del 24 ottobre 2000 n. 366 tiene conto del criterio secondo cui le misure nazionali di deroga nellapplicazione dellIva consentite dalla Direttiva 2006/112/CE allo scopo di semplificare la riscossione dellimposta o di evitare talune frodi o evasioni fiscali, devono essere interpretate in modo restrittivo.
Nel dettare le modalit di fatturazione delle predette operazioni larticolo 4 in commento stabilisce che limposta non deve essere comunque indicata nei documenti eventualmente rilasciati separatamente dal corrispettivo della prestazione, salvo che per quelle effettuate dal titolare della concessione, autorizzazione o licenza direttamente nei confronti degli utilizzatori del servizio, precisando che, in tal caso, la fattura deve essere emessa dal titolare della concessione, autorizzazione o licenza individuale entro 90 giorni dal ricevimento della richiesta.

La separata esposizione dellimposta in fattura prevista soltanto nellipotesi in cui i mezzi tecnici necessari per fruire del servizio di telecomunicazione sono venduti dal primo cedente direttamente allutilizzatore finale soggetto passivo dimposta, senza che siano attivati i vari passaggi della catena di distribuzione, presupposti dal regime monofase e posti a fondamento del meccanismo di deroga.
Le modalit di fatturazione presuppongono lapplicazione del meccanismo di rivalsa e detrazione dellimposta, posto che il diritto alla detrazione dellIva non pu essere limitato se non in casi particolari.

Nel caso descritto la detrazione dellimposta pu essere esercitata secondo le regole previste dallarticolo 19 del Dpr n. 633/1972 nel presupposto che la societ istante, come da essa dichiarato, acquisti i servizi di telefonia mobile ricaricabile in veste di utilizzatore finale del servizio.


(Vedi risoluzione n. 69 del 2020)

NOVITA'
ELEZIONI RINNOVO CONSIGLIO DELL'ORDINE E COLLEGIO DEI REVISORI
La data delle elezioni è stata differita al 2 e 3 febbraio 2021
25 novembre 2020
30 novembre 2020
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Ridenominazione del codice tributo 6834 per utilizzare in compensazione il credito dimposta derivante dalla trasformazione di attivit per imposte anticipate - art. 44-bis decreto Rilancio
Larticolo 44-bis del decreto Rilancio, come da ultimo modificato dal decreto Agosto, dispone che qualora ...continua

Sequestro per equivalente e successiva confisca dei beni - Applicabilit - Effetti

Lamministratore giudiziario di unazienda oggetto di sequestro per equivalente dei beni chiede ...continua

Chiarimenti sulle modifiche alla disciplina del Patent Box

dedicata alle nuove modalit di fruizione dellagevolazione Patent box la circolare dellAgenzia delle ...continua

Chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina ai fini Iva delle operazioni di cui allart. 74 Dpr n. 633/1972 e allart.4 Dm n. 366/2000

Una societ ha sottoscritto un contratto con una societ di telecomunicazione per la fornitura di carte ...continua

Credito d'imposta concesso a favore di unassociazione sportiva dilettantistica, in relazione ai canoni corrisposti sulla base di un contratto di sublocazione - Art. 28 decreto Rilancio

Unassociazione sportiva dilettantistica fa presente di aver preso in sublocazione un ufficio di categoria ...continua