NOVITA' FISCALI
Cessione di unit immobiliare con cucina - Trattamento ai fini Iva
Venerdì, 30 Aprile , 2021

Regime Iva differenziato per la cessione di unit abitative gi provviste di cucina arredata. Sono due, infatti, i regimi Iva: uno per limmobile e unaltro, ad aliquota ordinaria, per la cucina. quanto si ricava dalla risoluzione n. 25/E del 14 aprile 2021 dellAgenzia delle Entrate che ha risposto a due quesiti formulati da una societ attiva nel settore immobiliare ed intenzionata a commerciare, tramite cessione a corpo, unit abitative con cucine gi allestite.

Il documento di prassi amministrativa chiarisce i motivi per cui la societ istante non pu beneficiare delle aliquote Iva ridotte per le operazioni di compravendita. Si tratta di operazioni distinte. La cessione dellunit immobiliare, ai fini Iva, costituisce unoperazione distinta da quella relativa alla cucina che assoggettata allaliquota del 22%. La medesima aliquota si applica alla fornitura della cucina, da parte del produttore o installatore, nei confronti della societ immobiliare.

I chiarimenti delle Entrate ridimensionano le intenzioni della societ istante, desiderosa di includere nei contratti di vendita delle unit abitative le cucine, a fronte di un unico corrispettivo determinato a corpo.

LAmministrazione sostiene, a differenza della societ istante, che non possibile applicare al caso trattato le disposizioni di cui allarticolo 13-ter del Regolamento Ue n. 282/20211 in materia di territorialit Iva per i beni immobili; parimenti, non sono pertinenti le Note Esplicative, diramate dalla Commissione europea.
Per lAgenzia, la cessione della cucina non pu essere considerata neanche accessoria alla cessione del fabbricato, ai sensi dellarticolo 12 Dpr n. 633/1972, in quanto non pu considerarsi funzionale alla realizzazione o alla fruizione dellimmobile. LAmministrazione ha richiamato la risoluzione n. 88/2001 la quale ha chiarito che per individuare le operazioni accessorie necessario verificare il nesso di dipendenza funzionale con la prestazione principale e il valore comparativo delle varie prestazioni. Lo stesso documento ha precisato che le operazioni accessorie devono avere la funzione di integrare, completare e rendere possibile la prestazione principale.

Alla luce di ci, la cessione di una cucina allestita non pu costituire un mezzo per fruire nelle migliori condizioni delloperazione principale, n per la sua realizzazione, in quanto la cessione dellunit immobiliare pu realizzarsi a prescindere dalla fornitura di una cucina arredata. In altre parole, la cucina, di per s, non costituisce un elemento senza il quale la vendita dellimmobile non pu avvenire.
Per questi motivi, ai fini Iva, la vendita delle unit abitative costituisce una cessione di beni distinta da quella relativa alle cucine. E le due operazioni sono assoggettate a diverse aliquote.

In merito al secondo quesito, ovvero allaliquota Iva applicabile alla cessione della cucina dal produttore o installatore alla societ istante, lAgenzia delle Entrate fa riferimento allinquadramento dei beni finiti, alla cui cessione si applica:

  • laliquota Iva del 4%, quando sono forniti per la costruzione, anche in economia, di fabbricati di tipo economico aventi le caratteristiche richieste dalla Legge Tupini nonch delle costruzioni rurali;
  • laliquota Iva del 10%, quando, fra laltro, sono forniti per la realizzazione di specifici interventi di recupero.

Le aliquote agevolate si applicano ai beni finiti. Tale definizione trova applicazione, ad esempio, per gli ascensori, gli infissi, i sanitari, le porte. Sono, invece, materie prime le tegole, i mattoni, le maioliche che, insieme ad altri beni, concorrono a formare tetti, pavimenti e muri.
La specifica individualit e funzionalit del bene finito non viene meno qualora esso concorra a realizzare la costruzione dellopera. Il bene finito, infatti, tale in quanto, pur incorporandosi nella costruzione, comunque riconoscibile e non perde le proprie caratteristiche tanto da poter essere riutilizzato. Inoltre, suo carattere distintivo l'avvenuta ultimazione del processo produttivo.

Ne deriva che una cucina completa di elettrodomestici, mensole, ripiani ecc. composta da un insieme di elementi che, complessivamente intesi, non possiedono le caratteristiche di beni finiti come sopra descritto. Una cucina arredata formata da beni ed elementi che di norma non sono destinati a incorporarsi e divenire parti della costruzione.
Pertanto, la cessione della cucina dal produttore o installatore alla societ immobiliare non costituisce unoperazione avente ad oggetto un bene finito. Detta operazione soggetta ad Iva ordinaria.


(Vedi risoluzione n. 25 del 2021)

NOVITA'
BILANCIO CONSUNTIVO 2020
Fascicolo Bilancio Consuntivo anno 2020
allegato
21 giugno 2021
25 giugno 2021
30 giugno 2021
cOrganismo per la composizione della crisi da sovraindebitamento elearning odcec MACERATA-CAMERINO
Sospensione dei versamenti delle ritenute - Chiarimenti

LAgenzia delle Entrate dedica la risoluzione n. 40/E del primo giugno 2021 alla sospensione dei termini ...continua

Indicazione del numero dei giorni nella dichiarazione dei redditi 2021 in caso di erogazione di indennit per disoccupazione agricola, Cig e Naspi

LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 41/E del 4 giugno 2021, ha fornito chiarimenti in merito ...continua

Indici sintetici di affidabilit fiscale - periodo dimposta 2020

Con la circolare n. 6/E del 4 giugno 2021 lAgenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in ordine ...continua

Istituzione dei codici tributo per lutilizzo in compensazione del tax credit cinema
LAgenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 42/E dell8 giugno 2021, ha istituito i codici tributo per ...continua

Trattamento, ai fini Iva, delle operazioni relative ad attivit di shared payment

Con la risoluzione n. 35/E del 24 maggio 2021 lAgenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla corretta ...continua